Come migliorare la tua presentazione, il tuo curriculum vitae

Buongiorno a tutti,

avete deciso che è giunto il momento di cambiare lavoro? Bene.

Come sta il Vostro Curriculum Vitae?

Ve ne siete presi cura costantemente oppure giace in fondo a qualche cassetto dimenticato della Vostra scrivania?

Se non lo avete piu’ aggiornato è un male, il curriculum è il Vostro biglietto da visita ed è indispensabile che Vi presenti al meglio.

Sia che decidiate di prendere ad esempio il  modello Europass, sia che decidiate di farlo personalizzato (in ordine cronologico oppure in ordine di mansione/qualifica a seconda di cosa vogliate mettere in evidenza), è fondamentale sforzarsi di completarlo in tutti i campi (se lo ritenete una perdita di tempo, lo riterrà anche il selezionatore).

Ecco qui di seguito una breve guida:

1. Innanzitutto cercate, prima di compilare il documento, di fare chiarezza sui Vostri punti di forza e di debolezza, in modo da poter esaltare i primi e minimizzare i secondi, quando andrete a compilare il CV.

2. scelto il modello di CV, andate a compilare tutti campi facendo attenzione a:

  • elencare i Vostri dati anagrafici (indicate un cellulare e un indirizzo email con il Vostro nome e cognome, evitando nomi di fantasia)
  • aggiungete, se volete, una foto, in primo piano e con sfondo bianco, il piu’ professionale possibile (NO al fotoritocco, NO ad un trucco eccessivo, NO ad una foto di gruppo, con animali o bambini, NO ad un abbigliamento troppo informale, a meno che non vi candidate per un centro sportivo, etc.);
  • elencare tutte le esperienze, i compiti e soprattutto i traguardi raggiungi per ogni posizione (aiutano il selezionatore a valutare il Vostro grado di responsabilità);
  • elencare i corsi di formazione, i titoli di studio, le abilitazioni, qualifiche e competenze (soprattutto le soft skills);
  • elencare gli anni di esperienza in un determinato ruolo
  • elencare le tecnologie e le lingue che sapete usare (i livelli acquisiti e le modalità di utilizzo, non mentite);
  • elencare le preferenze e la disponibilità lavorativa a viaggi o trasferte (avere le idee chiare è sintomo di progettualità e professionalità);
  • indicare se si appartiene ad una categoria protetta o se siete in NASPI (per il datore di lavoro ci sono sgravi contributivi e quindi, a parità di candidati, è piu’ invogliato ad assumerVi);
  • dare il consenso per il trattamento del CV ai fini della privacy (è importantissimo firmare il CV in originale, altrimenti non potrà essere acquisito da parte dell’azienda).

3. realizzato il CV, rileggetelo piu’ volte, in maniera critica, magari facendoVi aiutare da un familiare o da un amico.

4. è buona norma accompagnare il CV ad una lettera di presentazione personalizzata per ogni candidatura, per attrarre l’attenzione del selezionatore.

5. cercate la posizione che Vi interessa attraverso i canali di ricerca tradizionali e non (autocandidature, ricerche su internet, agenzie per il lavoro, collocamento, chiamate pubbliche, etc) ma verificate sempre gli annunci ai quali rispondete, se Vi sembrano strani, non inviate i Vostri dati e fate segnalazione alla Polizia Postale, ci sono molte truffe in giro.

6. non sottovalutate l’importanza di aggiornare i Vostri profili nei business social network (Linkedin), è facile che il selezionatore vada a controllare le Vostra competenze.

7. attenzione a cosa pubblicate sui social network, i selezionatori, per farsi un’idea di Voi, vanno a vedere anche quelli.

8. preparateVi ad affrontare il colloquio di lavoro, avendo bene in mente i Vostri punti di forza per valorizzarVi al meglio (p.s. non dimenticateVi che, a fine colloquio, il selezionatore potrebbe farVi la solita domanda…” ha domande da farmi?”, preparateVi una risposta).

9. per una consulenza personalizzata e per ogni dubbio,  sono a Vostra disposizione..

In bocca al lupo!!!!!

P.S. Alcuni ultimi consigli datemi da un mio amico selezionatore:

  • il CV deve essere compilato in maniera accurata, deve essere chiaro, corretto e facilmente leggibile; l’impaginazione, lo stile, i colori e la grammatica devono essere impeccabili
  • il CV non deve essere troppo lungo; l’esaminatore ha solo pochi minuti per esaminarlo, mettere all’inizio le info piu’ rilevanti
  • indicate sempre nella prima pagina, dove abitate, i risultati raggiunti, il ruolo che svolgete in questo momento
  • se avete scelto lo schema di CV in ordine cronologico, se ci sono dei buchi tra un lavoro ed un altro, motivateli tranquillamente al selezionatore; magari Vi siete accorti di voler fare altro, l’azienda che chiude, un contratto a termine, un lavoro per il quale non Vi sentivate portati…… non nascondeteli, ma preparateVi a motivarli se Vi vengono richiesti, senza giustificarsi perché non è un’interrogatorio,  ma è importante comprendere che le svolte e i cambiamenti fanno parte della vita e spesso ci insegnano qualcosa.

A presto.

AsperAstra Coaching

Valentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.