Tutte le feste si porta via

Buongiorno a tutti,

Ebbene si, finite le ferie ed i ponti natalizi si ricomincia… purtroppo, come dice la filastrocca, “tutte le feste si porta via”.

Io direi finalmente…. Non vedo l’ora di riniziare l’anno e mettere in pratica i miei buoni propositi… lasciamo il vecchio alle spalle e mettiamoci seduti, carta e penna alla mano, e tiriamo giu’ un elenco di cose da fare ma anche di nuove idee e proposte da mettere in pratica. Cerchiamo di non concentrarci sui problemi ma sulla loro soluzione, iniziando con la frase “come posso fare per …..”. Guardiamoci intorno, non siamo soli, cerchiamo degli alleati o dei sostenitori, o magari chi ci puo’ dare l’esempio perché ce l’ha già fatta.

Bene, fatto questo ora concentriamoci su oggi…. è l’Epifania, che dire, è noto a tutti che è una festa cristiana che ricorda la prima manifestazione “pubblica” , la rivelazione di Cristo, con l’omaggio che gli fu reso dai Re Magi.

Solitamente nelle nostre case è spesso festeggiata con l’arrivo della Befana, una vecchietta dall’aspetto un po’ trasandato (ha una gonna lunga rattoppata ed un grembiule, uno scialle di lana pesante colorato, un mantello per il freddo, delle scarpe comode e un fazzoletto in testa) ma dall’indole buona, che fa visita ai bambini nella notte tra il 5 e il 6 gennaio e riempie le loro calze (solitamente appese al camino, alla cappa della cucina o vicino ad una finestra) con dei doni per quelli buoni (frutta, caramelle,  dolci  o piccoli giocattoli) e per quelli cattivi (con il carbone di zucchero, aglio, cipolle).

A Genova, dove abito, quando ero bambina ed avevo fatto la brava, trovavo anche una scarpetta o uno stivale di cioccolato pieno di dolciumi, oppure dei mandarini, castagne secche e dei soldini di cioccolato (i marenghi d’oro).

Paese che vai usanza che trovi….. e nelle Vostre calze cosa trovavate da piccoli? Cosa mettete ai Vostri figli? Fatemi sapere….

«La Befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte, il vestito alla romana, viva viva la Befana!»

A presto.

Valentina

AsperAstra Coaching


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.